EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Vai al contenuto

Viaggiare in treno con il cane da pastore tedesco

Hartur del Quercus Suber PT

Viaggiare con il nostro cane da pastore tedesco in treno è molto facile ma bisogna seguire alcune regole fondamentali. I nostri amici a quattro zampe possono accompagnarci nei nostri viaggi in treno, anche in previsione delle prossime vacanze o delle gite estive.

Il regolamento

Per viaggiare in treno con il nostro cane da pastore tedesco, e più in generale con tutti i cani, è necessario possedere alcuni documenti importanti, come per esempio il certificato di iscrizione all’anagrafe canina e il libretto sanitario del nostro amico. Il personale presente sul treno può richiedere l’esibizione dei documenti in qualsiasi momento del viaggio così come al momento dell’acquisto.

I cani guida viaggiano senza alcuna limitazione e in modo completamente gratuito sia su Italo che su Trenitalia.

Per far salire il nostro cane da pastore tedesco sul treno è previsto che il nostro amico sia fornito sia di guinzaglio che di museruola; si tratta di due elementi obbligatori per tutti i cani di grossa taglia.

Il cane da pastore tedesco può viaggiare sui treni Frecciarossa, Frecciargento e Frecciabianca sia in prima che in secondo classe, sia per il servizio standard che business; è però sempre previsto che sia dotato di museruola e guinzaglio. I nostri amici pelosi non sono ammessi nei salottini, nell’area silenzio, nei servizi executive e premium. Il cane da pastore tedesco è ammesso sui treni regionali dove può sostare non soltanto nella piattaforma dell’ultima carrozza ma anche nel vestibolo; esistono però delle limitazioni che vietano di occupare questi spazi tra le ore sette e le ore nove del mattino dei giorni feriali, dal lunedì al venerdì. I nostri amici a quattro zampe possono salire sui treni Icn ed Ic in prima, seconda classe, carrozze cuccette, carrozze letto e nelle vetture Excelsior, a patto che si provveda ac acquistare interamente il compartimento.

Le sanzioni

Nel caso in cui i nostri amici pelosi dovessero arrecare disturbo, il personale in servizio sul treno può far scendere il proprietario ed il suo cane alla prima stazione.

Il sovrapprezzo viene imposto soltanto se si decida di salire su un treno diverso da quello prenotato oppure se si decide di cambiare il treno. L’importo del sovrapprezzo è di 8 euro al quale si deve sommare l’eventuale differenza di prezzo. In tutti i casi è fondamentale comunicare la decisione al personale in servizio.

Per avere tutte le informazioni necessarie per trasportare il nostro amico a quattro zampe in treno è possibile visitare il sito internet di Trenitalia, al link http://www.trenitalia.com/tcom/Informazioni/La-guida-del-viaggiatore/Se-viaggi-con-il-tuo-animale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *