EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Vai al contenuto

I cani potrebbero fiutare il Covid-19

 

I cani potrebbero individuare i pazienti affetti da Covid-19. La scienza sta analizzando la capacità dei cani di fiutare i casi di Coronavirus.

 

I cani fiutano il Covid-19

La scienza sta approfondendo la capacità degli amici cani di individuare il nuovo Coronavirus. Le indagini sono state condotte da un gruppo di ricercatori franco-libanesi. I dati dimostrano che il fiuto dei cani permette di rilevare, con precisione, i campioni nei quali è presente il Covid-19. Per arrivare a questa ipotesi, gli esperti hanno sottoposto ad alcuni cani più campioni, alcuni dei quali negativi al virus. I cani, appartenenti a razze differenti, avevano il compito di fiutare più campioni e di individuare i positivi al nuovo Coronavirus.

Gli amici a quattro zampe sono stati in grado di raggiungere un elevato grado di precisione. Prima dell’esperimento, gli animali sono stati adeguatamente addestrati.

Lo studio si basa sul fiuto dei nostri amici a quattro zampe. Nonostante il Covid- 19 non abbia un odore specifico, i cani hanno la capacità di riconoscere la presenza del virus fiutando campioni di sudore.

L’obiettivo dei ricercatori è valutare esattamente quali siano le potenzialità degli amici a quattro zampe così da poterli impiegare nella lotta alla pandemia. I cani potrebbero essere dislocati, per esempio, negli aeroporti più frequentati ed importanti.

 

Il fiuto dei cani

I nostri amici a quattro zampe sono dotati di un fiuto molto speciale.

Grazie all’addestramento vengono impiegati dalle forze dell’ordine per individuare, con grande precisione, materiale esplosivo e droga.

Inoltre, gli amici cani, già da tempo, sono addestrati per essere affiancati alle persone che soffrono di diabete. Il loro fiuto permette di evitare pericolose crisi ipoglicemiche.

Inoltre, i quattro zampe sono impiegati nella lotta contro il cancro perché possono riconoscere, precocemente,  le persone ammalate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *