EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Vai al contenuto

2

Il mio cane da pastore tedesco non soffre di cinetosi e, per lui, andare in macchina è sempre un grande divertimento. Utilizzare la macchina, la nave e l’aero possono provocare la cinetosi, un disturbo passeggero determinato dal movimento e dall’apparato vestibolare.
Nei mesi più caldi dell’anno è più frequente che i nostri amici a quattro zampe viaggino con noi ma, non di rado quest’esperienza può essere sgradevole.

 

La cinetosi nei cani

Sono tantissimi gli amici cani che invece quando viaggiano devono affrontare tantissimi sintomi sgradevoli, come vomito, nausea e nervosismo. Può accadere che anche prima di iniziare lo spostamento, il nostro amico a quattro zampe appaia spaventato, nervoso e si rifiuti di avvicinarsi alla macchina.
Per abituare il mio cane da pastore tedesco alla macchina, sin da quando era cucciolo l’ho fatto salire a bordo anche per pochi istanti. Agli inizi abbiamo fatto insieme qualche chilometro e poi abbiamo affrontato spostamenti più lunghi. In macchina, dove ho sistemato un telo antimacchia e sopra una morbida copertina, il mio cane da pastore tedesco utilizza l’apposita cintura che gli garantisce il massimo del confort e della sicurezza.
Se il tragitto da percorre è molto lungo, non dimentico mai il suo gioco preferito e qualche piccolo premio come dei croccantini o degli snack.

La cinetosi come contrastarla
Per evitare l’insorgenza della cinetosi nel mio cane da pastore tedesco, prima di ogni partenza cerco di prendere tutto il tempo necessario per il viaggio, evitando di guidare troppo velocemente; inoltre, evito di accendere la radio ad alto volume e non fumo. Ogni tanto mi fermo e lo faccio scendere così che possa distrarsi e fare un po' di movimento. Durante il viaggio lascio uno dei finestrini posteriori leggermente aperti, in modo che il mio amico peloso abbia sempre a disposizione aria fresca.
Una volta giunti a destinazione, il mio cane da pastore tedesco ha diritto a scendere subito dalla macchina, esplorare la zona e stare un po' all’aria aperta. Se il viaggio non è stato buono, prima di servigli la pappa aspetto che si riprenda completamente, evitando di sottoporlo ad altri stress.
Nei casi più gravi o se è necessario intraprendere un lungo viaggio è possibile chiedere al proprio veterinario se è il caso di utilizzare dei farmaci. Esistono dei particolari preparati per animali in grado di lenire o eliminare il malessere che però devono essere utilizzati soltanto sotto controllo medico, rispettando le prescrizioni.