EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Vai al contenuto

Accarezzare il nostro cane, come farlo correttamente

Accarezzare il nostro cane è piacevole per noi e per lui. Ci sono però delle parti del suo corpo dove non apprezza essere toccato.

Accarezzare il nostro cane, i punti preferiti

Ogni cane ha il suo carattere e non tutti reagiscono alle coccole nella medesima maniera. In linea di massima, esistono dei punti del corpo del nostro amico peloso dove i grattini sono più apprezzati. I cani amano essere accarezzati nella pancia e sotto la gola. Non di rado, i nostri quattro zampe si posizionano di fianco per giocare e farsi toccare. Se il cane è completamente a proprio agio si mette a pancia all’aria e sarà contento di  ricevere le nostre carezze. Gli amici pelosi apprezzano anche le coccole sui fianchi. Bisogna però sapere che ogni cane ha le proprie preferenze che si potranno scoprire col tempo.

Accarezzare i nostri cani fa bene a loro e a noi e regala numerosi benefici psicofisici. Gli amici a quattro zampe aiutano a rilassarsi e a scacciare lo stress. Non a caso, gli animali, cani compresi, sono ampiamente utilizzati per la pet therapy, indicata per bambini e persone in là con gli anni. Secondo una ricerca scientifica americana, toccare un amico peloso aiuta ad abbassare la pressione arteriosa.

 

Gli errori

Bisogna sempre ricordare che se vogliamo avvicinarci o toccare un cane che non è nostro o che non conosciamo si deve sempre prima chiedere al proprietario. I cani non apprezzano le coccole sulla coda, sulla testa e sulla schiena. Inoltre, non amano farsi stringere con gli abbracci.

Se non si conosce l’amico a quattro zampe è fondamentale, prima, chiedere al padrone. Soltanto successivamente ci si potrà avvicinare all’animale con molta cautela, evitando i movimenti bruschi.

Inoltre, in alcuni momenti particolari è opportuno non toccare il nostro amico. Per esempio, quando l’amico peloso mangia è meglio non disturbarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *